Un viaggio nelle storie e curiosità, fra degrado ed eccellenze, degli ospedali Napoletani.

Introduzione

In una serie di articoli ci occuperemo della Sanità a Napoli dal Medioevo  alla fine del regno d’Italia. In in questo primo  articolo che sarà suddiviso in tre parti pubblicate separatamente,  descriveremo gli ospedali funzionanti in città durante il periodo borbonico compreso il decennio francese.

Prima del XVII°  l’assistenza sanitaria sviluppatasi a Napoli era molto apprezzata e conosciuta, sebbene  si basasse solo sulla buona volontà, la carità e le competenze degli enti ecclesiastici, che in modo empirico, senza nessuna strategia, la esercitavano sul territorio cittadino.

Sotto l’astro dei Borbone che mantennero molto delle innovazioni e riforme illuministiche  del decennio murattiano , il XIX°  secolo affermerà la modernità della medicina come professione. Si organizzò l’efficienza di una rete ospedaliera, ove medici esercitarono l’arte di guarire in modo scientifico e universale. In quel contesto si formò una delle migliori scuole di medicina del tempo. Alcuni di questi nosocomi furono ospedali di formazione e di alta specializzazione, come il Collegio Medico-Cerusico degli Incurabili, vero cenacolo illuministico, con sede nel proto-ospedale del Regno delle Due Sicilie: Santa Maria  del Popolo degli Incurabili.

Tavolo  della sala operatoria dell’ospedale della pace. All’ingresso della sala vi è un tabernacolo in cui veniva conservato l’olio santo con cui venivano unti gli operandi prima di sottoporsi agli interventi. Attualmente  il tavolo e la sala è adibita alla celebrazione dei matrimoni civili.

La Storia

Nel 1838  Salvatore De Renzi nella sua “Topografia e Statistica Medica ” elenca le seguenti strutture sanitarie operanti nella capitale del  regno:

 Ospedali militari :

Ospedale della S.S. Trinità delle monache
Ospedale del S.S. Sacramento
Ospedale della Reale Armata di mare  Piedigrotta

(Dal 1839) Ospedale militare della Consolazione

 Ospedali civili :

Complesso degli Incurabili :
(con due succursali)
I) A Sant’Efremo nuovo  II) A Torre del Greco
L’ospedale di Loreto
L’ospedale di San Francesco
Ospedali di Sant ‘Eligio (femminile) e Della Pace (maschile)
L’ospedale dei Pellegrini
L’ospedale della Cesarea
L’ospedale di Santa Maria della Fede

 

Ospedale della pace – Il lazzaretto

Altre strutture sanitarie

Inoltre vi erano uno stabilimento per i sordomuti e uno per i ciechi più una “Reale casa di matti ” ad Aversa. Si tratta del più antico manicomio, in epoca moderna, ed uno dei più grandi. In origine, la sede manicomiale del Regno di Napoli era ubicata nel cinquecentesco Ospedale “degli Incurabili”. In età borbonica ci si accorse della sua inadeguatezza e la necessità di creare degli spazi appositamente attrezzati e configurati.
Dunque, la “pazzaria degli incurabili” venne smantellata e creato il primo luogo deputato esclusivamente alla cura e al ricovero dei malati psichiatrici, con un secolo di anticipo rispetto alla futura Italia. Il manicomio di Aversa venne creato nell’antico convento della Maddalena dei Frati minori osservanti, che aveva già in origine ospitato l’Hospitium leprosorum S. Mariae Magdalenae, per la cura dei lebbrosi. Ma ben presto il convento si rivelò insufficiente, Gioacchino Murat nel 1813 con un regio decreto istituì  le “Reali Case de’ matti”, il più moderno e funzionale ospedale pischiatrico d’Europa. Con la restaurazione Borbonica il nosocomio ottiene ulteriori ammodernamenti. Diventa sempre più importante al punto che re Ferdinando vi portava i nobili in visita.

Curiosità

L’umanista e storico Gaetano Parente scriveva che questi rimanevano “attoniti del vedere per esempio un biliardo fra i pazzi, dell’udirli a suonare e cantare e talvolta recitar commedie e conversare con chicchessia affabilmente; non più catene, (…) alla reclusione antica sostituito il beneficio della vita attiva ed i giocondi passatempi e le salubri passeggiate per l’aprica campagna”.

Le varie denominazioni dell’Ospedale psichiatrico durante i suoi 187 anni di operatività :

Reali Case dei Matti di Aversa 1813 – 1815
Real Morotrofio” dal 1815 al 1865
Reale Manicomio di Aversa 1865 – 1934
Reale Ospedale psichiatrico 1934 – 1947
Manicomio civile di Aversa dal 1947 fino alla sua dismissione iniziata  1980 e finita nel 1999.

Istituti religiosi e civili

Oltre agli ospedali in città esistevano anche una miriade di realtà di Pubblica Beneficenza  e assistenza anche sanitaria fra cui le più importanti erano :

Real Casa Santa Dell’ Annunziata
Real Albergo dei Poveri
Real Ospizio di San Pietro e Gennaro extra moenia

Inoltre vi erano delle strutture sanitarie all’ avanguardia nel tempo,  fra le quali l’ istituto centrale di vaccinazioni, e la  sopraintendenza di salute e per lo studio

Annunziata – La ruota degli esposti

Accademie e strutture universitarie di studio e ricerca

Accademia medico chirurgica, l’ Accademia reale delle scienze e la Regia Università degli studi collegio medico-cerusico. L’università inizia ad operare nel 1764 e viene chiusa nel 1799 quando i Borbone fecero scattare una sanguinosa rappresaglia contro i medici colpevoli di seguire idee “giacobine”.In quel contesto sono incendiate dall’armata Sanfedista  sia  la prestigiosa biblioteca  che il convento,   sede del collegio medico cerusico. Rifondata  nel 1810 con Gioacchino Murat  nell’ Ospedale degli Incurabili per la formazione di buoni  medici e farmacisti, fu poi  trasferita successivamente nel convento di San Gaudioso. La prestigiosa scuola di medicina continuerà ad operare anche con la restaurazione Borbonica dopo il Congresso di Vienna ed ancora oggi il convento di San Gaudioso è una delle sedi della prima facoltà di medicina di Napoli.

 

(Parte prima)

Gli ospedali militari

“Dotti e sperimentati professori sanitari, ottimi regolamenti,  savi e zelanti  direttori, ed una disciplina severissima rendono questi stabilimenti degni della mugnificenza e della filantropia dell’ ottimo nostro Sovrano.”

L’imponente struttura sanitaria era situata in cima alla salita di “Magnocavallo” in un ex convento di suore francescane  che era stato costruito nel 1606. Incaricato della costruzione  con l’attigua  chiesa era stato   l’architetto Grimaldi. Cosimo Fanzago invece progettò e realizzò lo  scalone  monumentale  e l’ atrio . La struttura è espropriata nel marzo del 1806 durante il decennio francese e Gioacchino  Murat la  trasforma in ospedale militare nel 1808.  Sotto il Borbone, nel 1854 aveva 800 posti letto ed era il principale ospedale militare del regno. Ha continuato ad avere questa funzione anche dopo l’unità di Italia fino agli anni 80. Il magnifico e storico edificio da allora è in un raccapricciante stato di abbandono nonostante si siano elaborati numerosi progetti per il suo recupero. Senza un intervento massiccio di risorse dello stato e di privati non credo che con  gli striminziti bilanci del comune, proprietario dell’ immobile, si possa mai risolvere il problema. A stento si riescono a mantenere aperti i giardini. Una piccola parte del mastodontico edificio  è affidata ad un commissariato di Polizia.

Del SS.  Sacramento  (Ex convento Carmelitane)

Portale del “S.S. Sacramento di Santa Maria Maddalena dei pazzi” Chiesa annessa all’ospedale militare

Nella strada dell’infrascata sorgeva l’ex convento delle carmelitane fondato  nel 1646. il sito fu espropriato nel decennio francese e trasformato in ospedale militare. Conservato a tale funzione  anche dopo la restaurazione borbonica  nel 1854 aveva 400 posti letto. La struttura fu demolita nel 1927  e trasformata in civili abitazioni. Delle antiche “vestigie” si è salvata la chiesa e alcune  parti architettoniche  dell ‘antico  chiostro  che sono state inglobate nel cortile del moderno palazzo.

Parte dell’antico chiostro del convento, poi ospedale militare inglobato in un palazzo.

Come già premesso l’ospedale fu ricavato in un antico convento di Carmelitane costruito  nel 1645,  il complesso in un primo momento si chiamò del S.S  Sacramento alla cui denominazione  cui nel 1673 su istanza di  Gaspar Roomer di Anversa uno dei maggiori benefattori delle monache   in onore della figlia che in quel convento  aveva preso  i voti  venne aggiunta anche ” Santa Maria Maddelena dei pazzi”. Nel  1806 il convento fu soppresso e trasformato in ospedale militare. L’attigua chiesa fu trasformata prima in un fienile e poi in una stalla. Con il ritorno dei Borbone l’ospedale militare continuò la sua funzione. La chiesa fu ripristinata, su istanza degli abitanti dell’Infrascata che  supplicarono  il sovrano  di restaurala e  farla ritornare alla devozione popolare. Il sovrano acconsentì al ripristino purché del suo mantenimento e manutenzione se ne occupassero   il parroco dell’ Avvocata (uno dei quartieri di Napoli),  il direttore e i complementari dell’ ospedale a proprie spese.

 

Real Ospedale dell’ Armata di Mare di Piedigrotta

Armata di Mare di S.M. il Re del Regno delle Due Sicilie

Nella strada di Piedigrotta  vi era l’ospedale centrale della real Marina borbonica. L’ospedale era situato  nel convento dei frati lateranensi contiguo alla chiesa di Piedigrotta e già operava prima della “fuga” di Ferdinando IV a Palermo. Ingrandito  nel 1808 durante il periodo francese  fu ulteriormente ristrutturato con l’aggiunta di fonti termali  terapeutiche presenti in quella zona durante la restaurazione borbonica e poteva ospitare oltre  300 posti letto.

La facciata principale dell’ ospedale .

Nel 1867 la reale marina Italiana inserì  la struttura nella propria organizzazione sanitaria insieme a quella  dell’ospedale di Marina Sant’Anna a Venezia. In quella occasione fu requisita anche  la parte del convento che era ancora occupato dai monaci che comprendeva lo splendido chiostro. Il chiostro, a pianta rettangolare, è opera di Tommaso Malvito ed è arricchito da entrambi i lati con colonnato e capitelli in marmo con gli stemmi aragonesi e delle famiglie nobili locali.

L’ingresso principale

L’ospedale ha continuato a svolgere la sua funzione   fino ad una decina di anni fa. Da allora è in un indecoroso stato di abbandono.

Ospedale militare della  Consolazione:

Particolare facciata barocca della chiesa del convento

L’ ospedale militare era un ex monastero  di suore francescane nei pressi di porta San Gennaro situato  in via della Consolazione. Era stato fondato nel 1524 con l’annessa chiesa. Durante il periodo francese, intorno al 1807, fu espropriato e ceduto agli incurabili che vi posero le suore riformate. Nel 1830 diviene ospedale per colerosi e dal 1839 ospedale militare con 100 posti letto. Dopo l’unità di Italia è prima trasformato in caserma di Pubblica Sicurezza  e poi adibito a civili abitazioni. Dell’ antico convento sono rimaste solo poche testimonianze architettoniche  inglobate e murate nella divisione degli  appartamenti.

Resti di particolari architettonici
Resti architettonici dell’antico convento

 

Particolari architettonici

Tutto il complesso versa  in un un imperdonabile degrado. Solo la chiesa è rimasta con la sua facciata barocca.

Una facciata dal cortile interno

Di Prossima pubblicazione  :

Gli Ospedali a Napoli  “Al tempo del Borbone” (parte seconda) – Gli ospedali civili 

Gli ospedali a Napoli  “Al tempo del Borbone”  (parte terza)     – Le Strutture sanitarie religiose e private

Gli Ospedali a Napoli “Dalle origini alla fine del  viceregno”

Gli ospedali a Napoli “Nel regno d’Italia”

Fonti Bibliografiche :

Nicolò Carletti ” Topografia Universale della città di Napoli in Campagna felice”  – Copia anastatica del  1776.

Giuseppe Sigismondo : “descrizione della città di Napoli e i suoi borghi” – copia anastatica del 1788   Arnoldo Forni Editore  1989

Salvatore De Renzi: “Osservazioni sulla topografia medica del regno di Napoli” 1838

Erasmo Pistolesi: “Guida metodica di Napoli e i suoi contorni”– Copia anastatica  del 1845

Teresa Filangieri  Ravaschieri Fieschi : “Storia della carità Napoletana”- Morano 1879

Gennaro Aspreno Galante: “Guida Sacra alla Città di Napoli” – A cura di Nicola Spinosa – Società Editrice Napoletana 1985

Carlo Celano: “Notizie  del bello e dell’antico e del curioso della città di Napoli “curata da G.B.Chiarini – copia anastatica dell’ edizione del 1856- Ed, Dell’ anticaglia 2000

Autori vari : “Napoli Sacra  Guida alle Chiese della Città” – Elio De Rosa Editore 1996

Giuseppe Maria Galanti : “Nuova guida per Napoli e suoi contorni “- Copia anastatica del 1845 di Arnoldo Forni Editore 1990 .

Ida Maietta e Angelo Vanacore: “L’Annuziata (Chiesa e Santa Casa)” – Ed Eidos sas  1997

Candida Carrino: “Andar per Monasteri” –  Ed .Intra Moenia- 2014

Vincenzo de Pasquale : “Quando i malati erano incurabili…”– Ed Stamperia del Valentino 2014

Antonio Emanuele Piedimonte : “Alchimia e medicina a Napoli”– Ed. Intra Moenia  2014

Dello stesso autore : Le porte di Napoli