Giunge una notizia alquanto ecologica dalla maratona di Londra: per cercare di ovviare ai rifiuti di plastica, i corridori potranno dissetarsi con Ooho, bottigliette biodegradabili a forma di bolla, dalla forma rotonda e commestibile.

Tale meraviglia, creata allo scopo di ridurre l’iper consumo di plastica, permette di conservare l’acqua sempre fresca, oltre ad essere biodegradabile in periodo che va da un mese a un mese e mezzo, ed è già stata testata durante la maratona di Harrow dal gruppo Skipping Rocks Lab.

Creata dal trio di ingegneri spagnoli Rodrigo García González, Guillaume Couche e Pierre Paslier allo scopo di impedire il fenomeno inquinante delle “bottiglie di plastica al volo” durante le maratone – che provocano enormi cumuli di bottiglie sparse per le strade – con gravi ricadute per l’ambiente.

Ooho si presenta a forma di sfera gelatinosa commestibile perchè composta da alghe marine e cloruro di calcio, economica in quanto la spesa di produzione si aggira intorno ai 2 centesimi e non impiega i cosiddetti 400 anni che servono alla plastica per decomporsi.

Il progetto è quello di produrla in larga scala e distribuirla, nonostante ciò, la maratona di Londra ha lasciato bottigliette lungo il percorso. Secondo gli organizzatori verranno riciclate insieme a quelle di Tower Hamlets, Greenwich, Southwark e Canary Wharf.

Nel 2050 esiste il rischio che la plastica soppianterà i pesci nel mare; è un obbligo tentare di impedire tutto ciò.