Anche sabato 20 novembre i no green pass si sono riuniti nelle piazze d’Italia creando non pochi disordini e problemi, soprattutto a ristoratori e titolari di esercizi commerciali, che vedono alterato il normale svolgimento della propria attività.
Caso emblematico il locale “075” al Circo Massimo a Roma. Qui migliaia di persone si sono raccolte per un sit-in di protesta, ed è proprio nel locale che alcuni dimostranti, all’invito da parte della titolare di mostrare il green pass, così come previsto in un esercizio pubblico, si sono rifiutati scatenandosi con insulti e minacce.

Si è reso quindi necessario l’intervento di alcuni agenti in borghese, che sono riusciti a sedare le tensioni, non prima però che un uomo si abbassasse i pantaloni, facendo gesti volgari rivolti ad Isabella Massaccesi, la titolare, che ha sottolineato quanto si tratti di un’aggressività inutile, poiché rivolta contro dei semplici lavoratori.
Isabella ha dichiarato di non aver proceduto a denunciare in quanto passerebbe le sue giornate a farlo, poiché è un anno e mezzo che si susseguono le manifestazioni al Circo Massimo, e molti arrivano al bar senza mascherina e non vogliono mostrare il green pass.