Ci ha lasciati ieri sera l’editore e libraio Tullio Pironti all’età di 84 anni. Tutta l’editoria e non solo, è in lutto, perché a lui si deve la meritoria opera di aver fatto conoscere in Italia tanti autori stranieri, tra cui il premio Nobel egiziano Nagib Mahfuz. Tullio è stato “nipote e figlio d’arte“, perché ha infatti proseguito una tradizione che è nata col nonno. Pugile in gioventù, è a lui dedicata la biografia ‘Libri e cazzotti’, ma decisamente più nota è la pubblicazione de ‘Il camorristadi Giuseppe Marrazzo su Raffale Cutolo da cui fu tratto il film di Giuseppe Tornatore con Ben Gazzara.

Intellettuali, studenti e gente comune si ritrovavano nella sua libreria di Piazza Dante dove era affiancato dai nipoti Chiara e Cesare, e sicuramente gli stessi saranno presenti al suo funerale che si terrà in Piazza Dante oggi alle 16 nella Chiesa del Caravaggio.