Spunta una nuova pista per ritrovare Denise Pipitone a seguito della segnalazione di un cittadino calabrese che ha individuato in una ragazza di 21 anni, di origini rumene e che vive a Scalea, la piccola scomparsa a Mazara del Vallo nel settembre del 2004.
Prontamente i carabinieri stanno eseguendo tutti i controlli del caso sulla 21enne.

Il cittadino autore della segnalazione ha rilevato diverse circostanze che potrebbero far ipotizzare che davvero si tratti di Denise, e la ragazza, secondo quanto riferito dagli investigatori, non si è sottratta alle verifiche, indicando i nomi dei genitori ed altre informazioni utili per ricostruire il suo passato.

Nel frattempo si è in attesa di una decisione della Procura della Repubblica di Marsala in merito alla possibilità di procedere alla comparazione del Dna della bimba scomparsa con quello della giovane. Giacomo Frazzitta, legale della madre Piera Maggio, in un’intervista al Corriere della Calabria ha confermato che appena giunta la segnalazione ha avvertito i carabinieri di Scalea.

Molte sono le piste battute con la riapertura delle indagini, soprattutto dopo quanto è emerso su Anna Corona e la botola ritrovata nella sua casa. Proprio Frattizza ieri a Mattino 5 ha dichiarato quanto impegno si stia mettendo per seguire un’altra interessante pista, che porta ad una donna nomade filmata a Milano un mese dopo la scomparsa di Denise e che si accompagnava ad una bimba molto somigliante alla bambina. L’avvocato sottolinea che oggi la bimba del video ormai è un’adulta, nonché quanto sia importante ritrovare la nomade per appurare i fatti e fugare qualunque dubbio sulla bimba che compare sullo schermo.

 

Fonte foto: commons.wikimedia.org