L’educazione è una cosa seria anche a tavola”. Questa è una delle frasi di Carlo Cracco, tra i cuochi, personaggi televisivi, gastronomi e ristoratori italiani più famosi.

Ma i cittadini, per lo più i giovani, rispettano tutti i pasti eseguendoli in maniera corretta? Spesso questo non accade, tante le ragazze che vivono di grossi ed ingombranti disturbi alimentari.

Dall’11 maggio, su Rai3 ed in seconda serata, debutta un programma, condotto da Francesca Fialdini: “Fame d’amore”.

Una docuserie divisa in quattro puntate, che pone al centro dell’argomentazione il disturbo del comportamento alimentare, disagio giovanile tra i più diffusi e meno raccontati.

Tanti gli adolescenti colpiti; in Italia ne soffrono almeno tre milioni, ed il covid-19, non ha fatto altro che alimentare il numero, aggravando la situazione.

Ma cosa rende l’anoressia, la bulimia e la dipendenza dal cibo, malattie così diffuse?

Francesca Fialdini, nel suo programma, firmato da Andrea Casadio in collaborazione con Balladi, prova a scavare nei pensieri più intimi di tante ragazze che si sono raccontate, attraverso difficoltà emotive e psicologiche.

Puntano a scomparire, non a diventare belle. È un problema che non ha a che fare con la crescita e con gli affetti primari. Abbiamo scelto storie che riuscissero a rappresentare al meglio l’estremo al quale si può arrivare, il così detto: OLTRE LA SOGLIA!

Questo programma, che speriamo possa ottenere un grosso numero di ascolti, è importante e formativo per le tantissime ragazze che combattono ogni giorno con il proprio corpo, sentendosi brutte e inadeguate per la società nella quale viviamo. Un mondo reale ma soprattutto virtuale che ci vuole tutte uguali, spingendo anche coloro che, non avendo ancora sviluppato una maggiore consapevolezza e autostima, diventano fragili e incoscienti, rinunciando ad uno dei piaceri che rende la nostra vita più dolce: il cibo!

Mangiare sano aiuta a restare in forma, evitare troppi fritti, cioccolata e patatine, permette a coloro che sperano di poter avere un fisico scolpito e tonico (accompagnato da una corretta attività fisica) di riuscire a guardarsi allo specchio con occhi diversi.

Mangiare pulito però, non significa digiunare ed il filo che unisce la sana alimentazione dalla rinuncia al cibo è davvero sottile. “Fame d’amore”, racconta storie realmente accadute a ragazze che per riuscire ad avere la consapevolezza di essersi spinte oltre per sentirsi finalmente “belle”, hanno purtroppo dovuto toccare il fondo, diventando trasparenti, ovvero il risultato opposto che si voleva ottenere quando la malattia ha inconsapevolmente preso il sopravvento sul proprio corpo e nella propria mente.

Condurre un’alimentazione corretta si può ed è giusto farlo per la propria salute e per il proprio aspetto, l’importante è conoscere fino a dove ci si deve spingere, anche perché la vita è fatta di scelte, il difficile è poi poter tornare facilmente indietro!

Tutte siamo belle per quello che siamo, per quello che costruiamo durante la nostra crescita e soprattutto per le differenze fisiche e caratteriali che ci distinguono e che rendono il mondo, ormai invaso da filtri, unico e raro!