Un’altra pagina dedicata ai giovani talentuosi che portano la loro storia attraverso l’Arte. È così che si racconta il cantante Simone Giordano, laureato al Conservatorio di Benevento, dalla voce calda e suadente, che ci racconta del suo nuovo singolo: “Se volassi via”.

Questo brano ha come protagonista i sogni ti chiunque, di ognuno di noi, o meglio in chi ci crede. Quelli nascosti e quelli sulla punta della bocca che stanno per spiccare il loro volo,  ma poi noi, fragili anime ci sentiamo inadatti o altri, esterni razionali eventi, ci tarpano le ali e non spicchiamo il volo. Eppure dopo lo sconforto e ritornata in noi la stessa passione, energia e desiderio di Volare Via… vi spiegare le ali verso l’orizzonte e inebriarci di quei sogni e vederli realizzare.

Il brano uscito il 22 novembre. Testo e musica di Simone Giordano con l’arrangiamento di Francesco Colella, diviene il punto di un lungo studio interiorizzato durante il lockdown. Quello che molti artisti hanno vissuto in quei mesi, o stesso giovane speranzoso e sognatore stava provando. Dove il buio profondo ha incominciato a corrodere i sogni, le speranze, dove il suono del niente stava inghiottendo il cielo in cui volare via.

È in quel momento che l’artista si è trovato ad affrontare i suoi demoni e le sue paure, e poi armato dei sacrifici, delle lacrime, del sudore e le fatiche affrontate nella sua crescita professionale ha sfondato quelle porte metaforiche immaginandosi le stesse che più volte si era visto “sbattere in faccia” nel tempo da chi lo incanalava per forza in un’etichetta o in uno stile musicale… a cui libero sognatore non si ritrova.

Ed ecco che con una chitarra e una voce, accompagnato poi dal suono di Aniello Montella e Francesco Colella ha preso il volo.

Il video che troverete sui canali sociale e musicali, realizzato da Giuseppe Simeoli con le foto di Tina Ramaglia e la fashion blogger Mena del Prete (protagonista del video), racconta di questo viaggio, in cui chi crede nei sogni può credere nell’amore.

Un amore che è più profonda passione nata da un’evoluzione progressiva, che nel tempo crescendo è sempre stato qualcosa di più, una ricerca interiore e una volontà di appartenere ad essa. “Ho capito che volevo qualcosa di più, anzi le chiedevo di darmi qualcosa di più”, queste le parole di Simone Giordano.

Quel giovane cantante che da sempre fa fatica in un mondo in cui la musica è sempre messa al bando nella quotidianità e che nelle istituzioni è vista come mero spettacolo  e non protagonista dell’Arte, tranne ovviamente nei grandi nomi. In cui i giovani fanno fatica a prendere il volo se non rientrano in schemi prefissati, nei generi che in quel momento stanno solcando l’onda… ecco Simone Giordano è libero, come il sogno come un gabbiano sul Golfo di Napoli che canta e annuncia il suo volo.

Libero Simone, sognatore cantante oggi vi invita con la sua musica a volare via, nel cielo terso e ricco per chi ama vivere dei propri sogni.