Il sambuco è una pianta straordinaria conosciuta fin dall’antichità per le sue doti terapeutiche. Si possono utilizzare sia i frutti che i fiori, ma bisogna fare attenzione perché un suo utilizzo eccessivo può causare dolori addominali, nausea e vomito, dato che questa pianta ha effetti diuretici, digestivi, lassativi, antireumatici, sudoriferi, emolienti, antinfiammatori, antireumatici e antinfluenzali.

Viene spesso utilizzata in combinazione con altre erbe o fiori per creare delle tisane che possano avere l’effetto di un’alternativa all’aspirina, aiutando quindi l’organismo ad alleviare i sintomi di raffreddore, tosse e influenza.

Ecco una ricetta di aspirina vegetale che potete provare ad utilizzare quando ne avete più bisogno…

Ingredienti:

tre cucchiai di sambuco (fiori)

tre cucchiai di tiglio (fiori)

tre cucchiai di viola mammola (fiori)

tre cucchiai di menta (foglie)

Preparazione:

Con l’aiuto di un pestello miscelate bene tra loro tiglio, sambuco, viola mammola e menta, poi mettete due cucchiaini di caffè del composto in una tazza d’acqua bollente e lasciate in infusione per dieci minuti prima di filtrare. Prendetene una tazzina addolcita con un cucchiaino di miele o altro dolcificante naturale (succo d’agave, sciroppo d’acero, stevia) rimanendo poi ben coperti a letto al fine di curare il raffreddore o l’influenza.

 

Fonte articolo & foto: https://casabenessere.wordpress.com/2013/11/28/il-sambuco-un-aspirina-vegetale, 28 novembre 2013