Marisa Del Vecchio, titolare della fabbrica cioccolatiera Gay Odin di Napoli, ha voluto commentare la decisione di celebrare degnamente i 700 anni dalla nascita di colui che, da molti, viene definito “il sommo poeta”, sottolineando che da 20 anni realizzano uova di cioccolata ispirandosi ad eventi che caratterizzano l’anno.

Per realizzare quella che, all’unanimità, è stato considerato “un autentico capolavoro dell’arte dolciaria” sono state necessarie circa 300 chili di cioccolato, che è stato poi decorato da un maestro pasticciere di nome Fabio Ceraso.

Alighieri, sulla superficie dell’uovo, è stato ritratto con la sua tipica veste rossa, insieme al suo tradizionale copricapo, mentre si ritrova, senza sapere il motivo, circondato da numerosi e vari versi tratti dalla Divina Commedia. Più che interessante, la decisione di voler raffigurare il manoscritto del suo immenso capolavoro con soltanto due frasi, la prima e l’ultima, che sembrano risultare più che mai attuali, in questi tempi di lockdown e di profilassi medica forzata.

Marisa Del Vecchio spiega cosa l’ha spinta a non abbandonare quella che a molti sembrerebbe un qualcosa da saltare in attesa di tempi migliori, ma che va intesa come un preciso messaggio di speranza attendendo tempi che si sperano migliori per tutti. L’ispirazione le è venuta dal libro su Dante di Aldo Cazzullo ‘A riveder le stelle’, e così  ha deciso di celebrare l’anniversario del sommo poeta, ritenendo che i tempi attuali assomigliano più che mai ad una selva oscura in cui si teme di perdersi senza la possibilità di uscirne. Ma lei è certa che presto torneremo a riveder le stelle!

Fonte articolo: ansa.it

Fonte foto: magazinepragma.com