Nella meravigliosa cornice del golfo di Napoli, proprio presso il Circolo Nautico Posillipo, la mutua Cesare Pozzo in collaborazione con l’Associazione Oltre i Resti, sabato 14 dicembre, ha nuovamente premiato con borse di studio alunni meritevoli, alcuni dei quali eccellenze italiane nel mondo.

La presidente regionale, Rosalba Lasorella, che da anni promuove iniziative di sensibilizzazione trattando temi quali la violenza sulle donne, la dislessia, la prevenzione, anche quest’anno ha dimostrato come in maniera eccelsa abbia svolto un lavoro certosino di adesioni alla mutua, allo scopo non solo di far crescere l’associazione a livello Campano, ma per lanciare il messaggio che l’assistenza integrativa sta affiancando, se non addirittura spesso sostituendo l’assistenza nazionale.

Il tema, che quest’anno ha visto per l’ennesima volta una partecipazione massiccia di soci che hanno gremito la sala del Circolo Posillipo, era lo sport; laddove lo sport rappresenta un momento di aggregazione e di solidarietà, e rende tutti cellule che hanno quale scopo il benessere dell’organismo che compongono. Al pari, la mutua Cesare Pozzo”, ha sottolineato la presidente Rosalba Lasorella, “lavora sinergicamente con ogni membro che la compone” e quest’anno, con la sua gestione illuminata, è stato raggiunto un ulteriore traguardo, vale a dire premiare anche i ragazzi con abilità diverse, così da assicurare non il principio di uguaglianza, bensì quello di giustizia, che viene garantito quando fattispecie diverse vengono trattate in maniera diversa.

A premiare i ragazzi il presidente del circolo, il dottor Vincenzo Semeraro, l’allenatore di canoa Giuseppe Buonfiglio, il dott. Francesco Di Palma e non per ultimo il Vicepresidente della Cesare Pozzo, il dott. Paolo Loconsole, che come sempre ha sottolineato l’importanza dell’assistenza integrativa, invitando i giovani ad iscriversi alla grande famiglia della mutua, così da guardare al futuro in maniera più serena.

Hanno alternato le assegnazioni delle borse di studio, performance di scherma, nelle quali si sono cimentati giovanissimi atleti del circolo, nonché esecuzioni musicali di altissimo livello, che hanno visto le note di Schumann e di Lizst, volteggiare nell’aria creando un magico ascolto, grazie ai maestri Enzo Bencivenga al sax, e Luca Castellone al piano.

Il moderatore dell’evento, il dott. Fiore, presidente dell’Associazione Oltre i Resti, ha più volte sottolineato che i veri protagonisti sono stati i giovani, ed in particolare i laureati, i cui titoli e competenze hanno mostrato per l’ennesima volta come la forza della cultura consenta di raggiungere altissimi traguardi e di essere “liberi di scrivere le pagine del proprio destino”. Molto appassionanti gli interventi di due giovanissimi dottori, Eliana Barbaro e Giovangiuseppe Vannelli, sulla mutualità e la società odierna. Non sono mancati inoltre, momenti di sincera commozione per quei genitori che hanno ritirato assegno e medaglia al posto dei propri figli che già lavorano in altre parti d’Italia ed all’estero, ed a questi vanno alcuni versi del poeta Khalil Gibran tratte dalla poesia “I vostri figli”:

…Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suo vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

L’ennesima vittoria per una battaglia che vede la salute al centro di tutto ed una donna quale capitano!