Poche ore fa, i lavoratori della Whirlpool di via Argine hanno bloccato l’autostrada Napoli-Salerno dopo essere riusciti a raggiungere, in corteo, la rampa di accesso;a causare un tale gesto, le notizie sull’esito negativo del faccia a faccia, a Roma, tra la multinazionale e il Governo.

La volontà dell’azienda di riconvertire il sito, cedendolo alla società Prs che produce container refrigeranti, invece di tentare un’operazione di rilancio che sarebbe spalleggiata dal Governo, pronto a mettere in campo tutte le iniziative necessarie per far procedere la produzione e mantenere i posti di lavoro intatti, rende il futuro incerto e pericoloso.

Per il ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli, il mancato rispetto per il piano industriale firmato l’anno scorso, ad ottobre, rischia di portare a comportamenti predatori che mettono in pericolo l’attività produttiva, rischiando di portarla alla cessazione.