Non è solo la “Serie A” a regalare emozioni per la qualificazione Champions. Anche nella serie cadetta si entra nel vivo del rush finale dove i giochi, apparentemente scontati, che vedevano il Brescia e il Palermo protesi verso la conquista della serie A, si sono stranamente riaperti. Il Lecce viene domato da una straripante Cremonese che già qualche giornata fa aveva sconfitto il Benevento; il Pescara è uscito umiliato dal campo di Ascoli dove il solito Ciciretti ha fatto da trascinatore per la squadra bianco nera. Lo scontro diretto al Renato Curi tra Perugia e Benevento rilancia clamorosamente i Sanniti che nelle ultime giornate avevano raccolto pochissimi punti. Proprio il Benevento sembra aver superato i momenti di crisi e dopo la vittoria ottenuta con il Carpi, sancisce di essere in grande ripresa vincendo appunto a Perugia contro gli undici guidati da mister Nesta. “Abbiamo commesso troppi errori e da questi dobbiamo trarne esperienza”, questo il commento di Nesta a fine partita. Dall’altro versante i toni sono molto più entusiasti: Cristian Bucchi in sala Stampa a commentare l’exploit del suo Benevento in casa del Perugia: “Certo che siamo partiti benissimo lo avevo previsto e si è realizzato. Mi è piaciuta la prestazione della squadra, abbiamo giocato con qualità e vinto meritatamente. Abbiamo occupato il campo in tutte le sue zone. Siamo stati sbarazzini ma abbiamo concesso qualcosa ed è lì che dobbiamo migliorare. I ragazzi stanno procedendo nel percorso di miglioramento mentale e speriamo che continuino con questo trend fino alla fine. Ora, anche se andiamo in svantaggio, non ci abbattiamo e continuiamo a giocare e a tentare di vincere. Buonaiuto in campo aperto ha  più gamba rispetto a Insigne o Asencio e per questo l’ho inserito e ci ha ripagati conquistandosi un rigore e colpendo una traversa. Con il Palermo giocheremo allo stesso modo perché non abbiamo altre alternative che vincere”.

Luca Caldirola commenta la sfida contro il Perugia: “Contento per il mio gol che ci ha permesso di pareggiare subito la partita poi ci ha pensato Massimo Coda a portarci in vantaggio dandoci ancora più sicurezza contro una squadra forte come il Perugia. Ci aspettavamo un incontro difficile, siamo stati bravi a crederci fino alla fine e a portare a casa tre punti preziosi, al di là dei gol presi. Adesso ci aspettano altre gare molto importanti e scenderemo in campo sempre per portare a casa il massimo. Il nostro cambiamento? La partita di Ascoli ci ha dato tanta convinzione. Oggi volevamo vincere, abbiamo fatto bene e siamo soddisfatti. Ora ci aspetta la sfida contro il Palermo, vinciamo anche quella e poi tireremo le somme”.

Per il Benevento ora si aspetta la conferma nello scontro diretto contro il Palermo; un vero test di prova per capire in maniera definitiva se la squadra ha la testa per salire nella massima serie. Le previsioni parlano di un “Sold out” al Vigorito che fa ben sperare per i giallorossi. Staremo a vedere.