I vigili del fuoco di San Felice a Cancello, a Caserta, hanno scoperto per puro caso, all’interno di una cava dismessa da anni, un bacino idrico che è stato utilizzato allo scopo di sversare rifiuti di ogni genere per anni.

Situato all’incirca dieci metri in basso, rispetto alla superficie della cava, con un fondale melmoso che riesce ad arrivare fino a quattro metri di profondità, il bacino oggi ospita massicce quantità di sacchetti di plastica, elettrodomestici ingombranti e carcasse d’auto.

La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che si occupa dell’indagine, ora si prepara a delegare il caso alla Polizia Metropolitana di Napoli, che dovrà scoprire come una cosa del genere sia potuta accadere senza che nessuno se ne accorgesse.