Lungometraggio, fiction e docu-serie in 4 puntate: è questo il progetto che nasce da una collaborazione con il magistrato Giancarlo De Cataldo, che si occuperà di scrivere i testi sulla vita del boss Raffaele Cutolo. Chiaramente per la realizzazione dello stesso è stato necessario acquistare i diritti sulla vita di Cutolo direttamente dagli eredi. De Cataldo avrà a disposizione non solo documenti importanti, ma addirittura inediti assoluti sulla vita del boss, che ha trascorso 58 anni in carcere, ed ha fondato la Nuova Camorra Organizzata da cui è nata la Camorra odierna.

Tra gli sceneggiatori vanno ricordati Domenico Rafele e Nicola Ravera Rafele, mentre come accennato, De Cataldo è un giudice della Corte d’Assise a Roma, già autore di numerosi libri, nonché sceneggiature televisive e testi teatrali, privilegiando il genere giallo e crime. Tra le sue opere spicca il libro “Romanzo Criminale” da cui è stato tratto il famoso film omonimo diretto da Michele Placido, che ha dato vita anche ad una trasposizione televisiva seriale. Va ricordato anche il soggetto e la sceneggiatura del film Suburra, nonché la collaborazione con Mario Martone per “Noi credevamo“, e il film diretto da Claudio Amendola “Il permesso – 48 ore fuori“.