Tante sono le regole stabilite dal Ministero della Salute per far sì che il coronavirus non attacchi troppe persone, causando danni polmonari e settimane in ospedale. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Oral Medicine & Dental Research, svolto da ricercatori dell’Università di Birmingham, del Salisbury District Hospital e del Mouth-Body Research Institute, va tenuta in seria considerazione una correlazione che c’è tra l’igiene orale e la diffusione del virus nel corpo.

È attraverso la saliva che la malattia raggiunge i polmoni passando dalla bocca al sangue, specie per chi soffre di malattie gengivali. Il rischio per quest’ultimi è quello di sviluppare una sintomatologia acuta. Gli esperti hanno dischiarato che bastano alcune accortezze per cercare di limitare il contagio, tra cui quello di utilizzare il collutorio come difesa dal covid.

Pulire bene i denti, con il filo interdentale ed il collutorio ma anche sciacqui con acqua e sale, aiuta a ridurre il rischio di formazione di placca e di un’infiammazione gengivale. Tutti questi accorgimenti fanno sì che il virus si formi poco e niente nella saliva, contrastando le malattie polmonari. Secondo i ricercatori ad ogni modo, bisognerà effettuare studi scrupolosi per avere delle informazioni più chiare in merito al sodalizio tra covid e igiene dentale.

Tralasciando infine, quella che può essere la correlazione con il coronavirus, una cattiva pulizia dentale può portare problemi legati anche a quelli di cuore. Nel 2019 uno studio svolto dall’Università di Seul e pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, ha dimostrato che lavare accuratamente i denti per tre volte al giorno, potrebbe ridurre il rischio di insufficienza cardiaca.

Alla luce di quanto detto poc’anzi, per una questione legata alla salute di ogni individuo, ma anche ad un aspetto estetico, avere una buona igiene dentale, è di fondamentale importanza.