Dopo una malattia debilitante, affrontata con dignità e coraggio, l’ex direttrice del Tg2, Ida Colucci, 58 anni, è morta, dopo aver prestato, per diversi anni, i propri servigi per il telegiornale della seconda rete, che seppe riportare ai fasti del passato.

Giunta alla Rai nel 1991, si occupò del Giornale Radio, illustrando agli ascoltatori i principali avvenimenti degli anni Novanta, tra cui gli sbarchi dei profughi albanesi sulle coste pugliesi, la cronaca giudiziaria degli anni di Tangentopoli e il processo Sisde.

Nel 1998 avviene il suo passaggio al settore politico parlamentare mentre, nel 2002, subentra alla redazione Interni del Tg2, esordendovi come inviata nel 2005; ne diventa vicedirettore nel 2009, narrando i più importanti appuntamenti internazionali in paesi come Stati Uniti, Canada, Corea del Sud, Giappone, Cina, Brasile.

Nel 2016, grazie alla decisione di seguire di persona l’emergenza attentati nella capitale belga e gli arresti dei sospetti jihadisti, viene nominata Direttrice del Tg2, per poi essere assegnata alle dirette dipendenze dell’Amministratore Delegato.

La Rai e il giornalismo tv hanno perso una grande donna e una grande giornalista.