“Lasciare Napoli? ci sto pensando”.

Questa la risposta del padre della piccola Noemi, la bambina che, da alcuni giorni, lotta tra la vita e la morte dopo essere stata ferita in un “presunto regolamento di conti” avvenuto nella zona di Piazza Nazionale, a poca distanza dal Centro Direzionale di Napoli.

“Al momento conta solo salvare la mia bambina”.

Prosegue, rivelando la sua natura di genitore preoccupato e apprensivo, mentre i medici riescono solo a ribadire, fino alla nausea, che la piccola è in condizioni stazionarie, nella speranza che riesca a farcela e a riprendere una vita normale.

Da venerdì pomeriggio questa vittima innocente è in coma farmacologico, dopo aver subito quella che gli esperti definiscono “una ferita di guerra” solo per essersi trovata nel posto sbagliato al momento sbagliato, mentre suo padre rimane al suo capezzale a sperare.

“Io sono sicuro che mia figlia è in gamba; possiede tante energie”.