“Perdonare? Voglio solo che la giustizia faccia il suo corso”.

Sono queste le parole del padre dell’unica superstite dell’incidente avvenuto a Jesolo, nel quale quattro ragazzi ventenni hanno perso la vita a causa della caduta dell’auto con la quale viaggiavano in un canale.

Giorgia, la ragazza sopravvissuta, continua ad essere ricoverata in stato di osservazione nell’ospedale di San Donà di Piave, proseguendo nella sua presunta versione dei fatti: “eravamo tranquilli, stavamo tornando a casa, fino a quando siamo stati urtati da una macchina”.

Il veicolo, identificato come una Golf, è sotto sequestro mentre il proprietario, un romeno di 26 anni che da tempo vive a Musile di Piave, è in stato di fermo con l’accusa di omicidio stradale plurimo e per omissione di soccorso.