Brenton Tarrant, il responsabile della strage avvenuta nelle due moschee di Christchurch, nella quale sono morte numerose persone, si prepara a passare tutto quel che resta della sua vita in un carcere di massima sicurezza, senza la possibilità di vedere più nessuno.

Winston Peters, ministro degli Esteri e vicepremier della Nuova Zelanda, ha riferito tale decisione del suo governo all’Organizzazione della cooperazione islamica, allo scopo di mandare un messaggio chiaro a chi è pronto ad emulare la folle impresa avvenuta nel suo paese.

Si può solo sperare che una tale presa di posizione possa prevenire vendette trasversali come quella annunciata dall’Isis, che potrebbe portare a un’escalation senza fine di sangue e morti, coinvolgendo di nuovo persone che non c’entrano con tale orrore.