Quando un virus o un batterio si introduce nel corpo, si moltiplica ed attacca le cellule; in quel caso si parla di infezione.

Il sistema immunitario però, interviene riconoscendo il microbo come un corpo estraneo e subito adotta due strategie di difesa. La prima è rappresentata dalla risposta immunitaria innata, ed è così che i macrofagi intervengono insieme ai fagociti: i primi sono cellule assassine che inghiottono gli intrusi per distruggerli, mentre i secondi catturano ed eliminano le tossine.

Spesso però, la risposta immunitaria non è sufficiente, e così questa reazione veloce e localizzata riesce solo a rallentare l’infezione; in questo caso ecco che intervengono i  linfociti, ovvero cellule difensive che identificano l’invasore grazie alla sua molecola caratteristica, l’antigene.

Ogni linfocita ha il compito di attaccare un particolare virus o batterio e così appena identifica l’antigene, si moltiplica, generando gli anticorpi, che entrati in circolo si attaccano agli antigeni e li neutralizzano, consentendo ai macrofagi di eliminarli. A loro volta i linfociti identificano e distruggono le cellule infette.

Il problema nasce dal fatto che la reazione immunitaria impiega diversi giorni, e così i germi riescono nel frattempo a scatenare una malattia. Per fortuna però, gli anticorpi e i linfociti fanno memoria dell’infezione e nel caso in cui dovesse comparire lo stesso patogeno reagiscono immediatamente. In questo caso la reazione immunitaria è molto più veloce ed evita che si sviluppi la malattia.

I vaccini sfruttano la memoria del sistema immunitario, e così simulando un’infezione lo allenano a reagire in caso di attacco. Con il vaccino infatti, si introduce nel corpo un germe morto oppure inattivo o anche solo un suo frammento, cosicché avviene la reazione immunitaria naturale senza che però venga generata alcuna malattia. Talvolta è necessario ripetere le vaccinazioni per tenere il sistema immunitario allenato.

Questo processo però non avviene sempre, e lo stiamo verificando col Coronavirus, in quanto l’immunizzazione non si acquisisce, infatti l’organismo può essere colpito con ricaduta perché non si immunizza.

FONTEAnsa.it
Articolo precedenteImpariamo l’Arte di Ascoltare
Articolo successivoL’antico borgo del Morcino.
Assunta Mango
Dott.ssa Assunta Mango, laureata in economia all’Università Federico II, giornalista, scrittrice, ricercatrice e mobility manager, addetta alla selezione e valutazione del personale nonché progettista presso il Comune di Napoli. Ha pubblicato: “Napoli Esoterica: I tre Decumani“, "Tempo e Tradizioni: I mestieri nel Presepe Napoletano", "Storie e leggende tra i due laghi“, "Mirate al cuore", "Io, sono Giuditta". Regista e sceneggiatrice di commedie teatrali e socia fondatrice dell’Associazione “Oltre i Resti“.