Quanto la musica ci rende “liberi”?

Una tra le voci più limpide ed eleganti del nostro palcoscenico italiano, la meravigliosa Arisa, ha postato una foto con una didascalia che ha fatto impazzire il web:”Rutto, scorreg***e amo il sole!”.

I commenti dei giovani sono schizzati dopo pochissimo pieni di stupore ed ironia, molti con uno sfondo comico:”Arisa una di noi, sei da sposare!”

La lettura che questo post invita a fare è legata alla possibilità di ricercare la propria libertà artistica senza la continua necessità di trovare la frase giusta da utilizzare, anche perché soprattutto in questo periodo, le persone sono alla ricerca di pensieri semplici, di spazi da ritagliarsi per godersi un po’ di spensieratezza.

La veste nella quale vediamo Arisa su Instagram è di certo molto diversa da quella in cui siamo abituati; la sua presenza sui palchi è sempre stata accompagnata da timidezza ed un timbro di voce molto dolce e fanciullesco.

Nel corso della sua carriera si è aggiudicata la vittoria al Festival di Sanremo esordiente nel 2009 e nel 2014 ha vinto nella categoria campioni con il brano “Controvento”.

Ha inoltre ottenuto vari riconoscimenti quali un Premio Assomusica e un Premio della Critica “Mia Martini” al Festival di Sanremo 2009.

Dal 2010 ha avviato la sua attività televisiva come presenza fissa al programma televisivo Victor Victoria-Niente è come sempre come giudice e dal 2011 ha debuttato sia come attrice che come doppiatrice.

Nel 2015, è stata co-conduttrice della sessantacinquesima edizione del Festival di Sanremo.

Arisa e la sua musica sono una continua conferma per noi tutti ed i suoi testi continuano a rappresentare colonne portanti di tante storie d’amore. E’ alla luce di questo che la didascalia divertente sotto la sua foto, è stata per tutti motivo di grande stupore e allo stesso tempo dimostrazione del fatto che nella vita, la spensieratezza e la capacità di sentirsi liberi e al di fuori degli schermi, appartiene a noi tutti.